SHOP ONLINE

FACIAL HAIR

16 05

Liberiamoci dalla peluria del viso!

“Donna baffuta sempre piaciuta” è uno di quei modi di dire popolari che lasciano un po’ sgomenti, soprattutto quando qualcuno lo dice – proprio a noi! – con aria canzonatoria.
Del resto, la storia della depilazione non è sempre stata tutta peli & fiori: per esempio nei primi del Novecento, dato che le donne avevano poca dimestichezza coi rasoi maschili, iniziò in tutto il mondo una seria ricerca scientifica condotta da chimici e medici, i quali tentavano disperatamente di inventare pratici unguenti depilatori, però con scarsi risultati. La celebre “rusma turca” – un composto ustionante fatto di calce viva, salnitro, lisciva caustica, zolfo e acqua – fece infuriare parte della comunità scientifica che denunciò con veemenza quei colleghi senza scrupoli, i quali preferivano sfigurare per sempre le loro pazienti anziché risolvere il problema.

Più delicato e rispettoso dell’epidermide è senza dubbio il metodo medio-orientale dell’epilazione con il filo di seta anche chiamato threading, che promette ottimi risultati ma che prevede una dose di pazienza fuori dal comune per alcune!
Ad ogni modo ai giorni nostri, il dato è sorprendente: sono circa cinquemila le depilazioni che, in media, noi donne effettuiamo durante la nostra vita. E a Cleopatra – che si depilava già con la ceretta al miele – e alla regina Semiramide (che andava in battaglia a cavallo nuda e senza un pelo per stordire i nemici) si contrappone un’odierna statistica curiosa: il 39% delle donne non si depila affatto, mentre il 36% afferma che è il viso ad essere la parte più pelosa di tutto il corpo.

Dunque, se sei arrivata a leggere fin qui, è evidente che facciamo tutte parte dello stesso team: le facial hair haters, ovvero quelle che odiano (ma potrei dire anche detestano, disprezzano, maledicono e così via fino al mese prossimo…) i peli del viso.
Cosa fare per eliminarli? No panic: ecco una mini guida per ottenere il viso più liscio e sexy che abbiate mai avuto.
Non siamo hipster barbuti e tantomeno vorremmo diventarlo: per questo ti sconsiglio vivamente (e con sconsiglio vivamente intendo non-lo-fare-MAI!) di ricorrere al rasoio: il pelo viene tranciato di netto, per questo tende a risultare più duro al tatto, come uno spillo, insomma. Ulteriore rischio è quello di irritare la pelle e rendere il pelo più incline a ricrescere sottopelle, incarnendosi. Perfetto solo se volete trasformarvi in piccoli istrici pungenti.

Una valida alternativa per scongiurare l’evoluzione in un dolce porcospino ci viene offerta dalle strisce depilatorie fai-da-te specifiche per il viso: perfette se hai una peluria rada e una pelle non troppo sensibile! Un paio di consigli per utilizzarle: uno strappo deciso e sicuro, naturalmente contropelo. Conto alla rovescia e TIRA!
Se la ceretta non è tra i tuoi passatempi masochistici preferiti, puoi ricorrere alla tecnologia: mai sentito parlare di beauty tools? L’epilatore elettronico Face810 di Braun ti garantisce una pelle ultra liscia fino a 4 settimane, grazie ad una testina in grado di catturare anche i peli più corti e sottili; è inoltre dotato di una spazzola per assicurarti una pulizia profonda del viso! È proprio il caso di dire “due piccioni con una fava”!

Se disponi di una spiccata manualità certosina e una vista acuta, puoi ricorrere alla classica pinzetta, soprattutto se i peli sono abbastanza lunghi. Qui bisogna lavorare di precisione, zona per zona, mantenendo con l’altra mano – quella che non afferra lo strumento – la pelle ben tesa. Old but gold.

Ricorda di preparare sempre la pelle prima del trattamento con uno scrub delicato e di idratarla subito dopo, dedicandoti un piccolo massaggio mirato con una crema super idratante e lenitiva. Te la meriti, bellezza.

 

Ricorda che sono i dettagli a fare la differenza…e che la peluria del viso stava bene solo a Frida Kahlo!

Il sito www.lillapois.com usa cookies tecnici e di profilazione e permette l’installazione di cookies di terze parti.
Per ulteriori informazioni riguardanti l’uso di cookies, ed eventualmente negare il consenso a cookies specifici, cliccare nel bottone informativa

La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso o l’utilizzo dello “scroll” comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookie.

OK INFORMATIVA